La Corrida a Madrid: tra tradizione e contestazione

Nov 10, 2015 No Comments by

C’è chi sostiene sia parte fondamentale della tradizione iberica e chi invece la considera una tortura legalizzata inflitta al toro. La corrida de toros è sicuramente uno degli spettacoli più antichi della Spagna, ma anche di tutto il mondo. E in questo senso va sicuramente inserito nel patrimonio culturale spagnolo. Dall’altra parte gli animalisti continuano a criticare fortemente questa pratica.

Nonostante ciò, a Madrid la corrida continua ad esistere ed è possibile assistervi. Quando? Da aprile ad ottobre. Dove? Nella Plaza de toros de Las Ventas, considerata una delle plazas de toros più importanti del mondo.

Le origini della corrida in Spagna risalgono a circa l’800 dopo Cristo, si trattava per lo più di lotte tra animali e il toro era uno dei più utilizzati. Le prime notizie documentate di feste con tauromachie, però, sono del 1215, a Cuellar (Segovia). Ma per incontrare le corride come le intendiamo oggi bisogna avvicinarsi ancora di più ai giorni nostri. Siamo nel XIV secolo ed era una pratica riservata ai nobili che sfoggiavano le loro abilità a cavallo sfidando i tori per questioni di prestigio e onore. Poi la corrida conobbe un grande sviluppo in tutta la penisola iberica, ma non solo e nel corso del 1600 nacquero le prime scuole di tauromachia. La sua storia fu poi tormentata: i Borboni la proibirono per un periodo, poi gli antagonisti più serrati furono gli intellettuali illuministi che ne chiedevano l’abolizione. Il popolo spagnolo non era però della stessa idea e si impossessò della festa, e la Real Cedula imposta da Carlo IV che 1805 che la vietava formalmente, non ebbe efficacia. Sotto Franco ci fu un periodo di silenzio attorno alla corrida, mentre negli anni ’60 del ‘900 ebbe grande popolarità.

Ma di cosa si tratta? Esistono vari tipi di corrida, ma quella più praticata oggi, è la corrida spagnola. Lo scopo è portare il toro a morire, attraverso uno spettacolo anche coreografico. Nella lotta tra il torero e il toro vengono usati diversi strumenti, come ad esempio la caratteristica bandiera rossa, mentre per uccidere il toro viene usato l’estoque, una spada. Quando il toro dà prova di particolare bravura e il regolamento lo permette, si può concedere l’indulto al toro.

In generale in un evento taurino ci sono tre toreri, con le loro cuadrillas (due picadores a cavallo e tre baderilleros) e sei tori e si divide in tre parti, chiamate tercios.

La Plaza de Toros Las Ventas è visitabile attraverso una visita guidata.

Informazioni interessanti
Prenota il tuo volo a Madrid con Skyscanner.
Prenota il tuo hotel a Madrid con Booking.com.
Biglietti per musei, attività turistiche, visite guidate, flamenco. Compra online con Neoexperience.
Biglietti per le partite del Real Madrid
Biglietti per le partite dell’Atletico Madrid

Post più visitati del blog:
Cosa visitare a Madrid
Cosa fare a Madrid
Voli a Madrid
Hotel a Madrid
Muoversi a Madrid
Madrid Card
Bus turistico Madrid

Info, Gastronomia, Movida, Shopping

About the author

The author didnt add any Information to his profile yet
No Responses to “La Corrida a Madrid: tra tradizione e contestazione”

Leave a Reply